L’arte contemporanea italiana è stata protagonista di “Italy at Frieze”, una mostra-evento svoltasi all’Ambasciata d’Italia a Londra nella serata di giovedì 3 ottobre. E’ la prima volta che un evento all’interno di un’ambasciata viene inserito nel calendario degli eventi di “Frieze”, la grande fiera d’arte che ogni anno attira nella capitale britannica collezionisti e appassionati da tutto il mondo. La mostra, curata da Flavia Frigeri, ha esplorato i percorsi e i linguaggi sperimentati dall’arte italiana dal dopoguerra ai giorni nostri seguendo il tema: “Forme uniche della continuità nello spazio”.

Le opere esposte di 14 artisti italiani - da Michelangelo Pistoletto a Carla Accardi, da Agostino Bonalumi a Francesco Vezzoli, a Attilio Quintili – sono state messe a disposizione per l’occasione da altrettante gallerie italiane che partecipano quest’anno a Frieze London e Frieze Masters. I visitatori hanno potuto così ammirare la varietà di stili e di messaggi che gli artisti italiani hanno saputo esprimere negli ultimi decenni, traducendo in arte i codici e lo spirito del tempo.

L’evento, ospitato dall’Ambasciata d’Italia e cui hanno presenziato Michelangelo Pistoletto e Attilio Quintili, costituisce un momento di alto valore nell’ azione di diplomazia culturale condotta dall’Italia nel Regno Unito. L’iniziativa si inserisce inoltre nel contesto della “Giornata del contemporaneo”, manifestazione per la promozione dell’arte contemporanea italiana, arrivata quest’anno alla sua quindicesima edizione. Da alcuni anni, grazie alla collaborazione tra l’Associazione dei Musei d’arte contemporanea italiani e la Farnesina la Giornata del contemporaneo viene celebrata anche all’estero, attraverso la rete di Ambasciate, Consolati e Istituti italiani di cultura.

 

Articoli correlati