La Convenzione di Faro "ha una portata enorme dal punto di vista simbolico e politico per la forza dei contenuti ed è capace di rovesciare un modello di sviluppo sbagliato e di mettere invece al centro dei processi di trasformazione la cultura come patrimonio collettivo e condiviso di riconoscimento reciproco, come diritto primario dell'uomo". Lo ha detto nell'Aula di Palazzo Madama il senatore...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati