L’Ambasciata di Polonia a Roma desidera esprimere la propria preoccupazione per la possibile chiusura dell’antico Caffè Greco a Roma e lanciare un appello affinché venga trovata una soluzione perché questo locale storico, colmo di opere d’arte e memorie comuni legate anche alla cultura polacca, non scompaia dalla mappa della Città Eterna.

"Ci rendiamo conto della pressione del mercato e degli inevitabili cambiamenti legati ai trend socio-economici, ma crediamo che esistano valori universali che vanno difesi e che non possono essere sostituiti da benefici materiali e calpestati per ragioni economiche", si legge in una nota. "Le rappresentanze estere a Roma avevano già rivolto un appello al Ministero della Cultura italiano chiedendo di intervenire per salvare lo storico Caffè e sottolineando come non sia concepibile che un locale colmo di opere d’arte, luogo di incontro dei più grandi artisti degli ultimi duecento anni, possa scomparire dalla mappa della città a causa dei problemi legati all’affitto del locale. In particolare il vice primo ministro e ministro della cultura polacco Piotr Gliński ha inviato il 27 giugno 2019 al ministro dei beni e delle attività culturali italiano Alberto Bonisoli e al sindaco di Roma Virginia Raggi una lettera nella quale chiedeva che venissero intraprese azioni volte a preservare il Caffè Greco. Lettere rimaste ancora senza risposta".

L’Antico Caffè Greco, fondato nel 1760, luogo preferito dei turisti e degli artisti di molte nazioni, fu il ritrovo prediletto di molti artisti e intellettuali polacchi. La presenza polacca si fece notare dagli inizi dell’800, e alla fine del secolo una delle sale – quella lunga e stretta, con le pareti verdi e il tetto spiovente in vetro, soprannominata “l’Omnibus” – fu letteralmente occupata dai rappresentanti della nostra nazione. Secondo alcuni storici di cultura polacca, fu il poeta Adam Mickiewicz – l’icona del Romanticismo polacco – a rendere famoso il Caffè Greco tra i connazionali.

 

Articoli correlati