Il 25 ottobre si inaugura a Lisbona presso il Museu Nacional dos Coches la mostra Una finestra sulla collezione d’arte contemporanea della Farnesina. Quindici opere, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Lisbona, diretto da Luisa Violo, sotto l’egida dell’Ambasciata d’Italia, in collaborazione con il suddetto Museo e con il supporto delle Generali – Companhia de Seguros di Lisbona.

L’esposizione, che è a cura di Angela Tecce, storica dell’arte e membro della Comitato scientifico della collezione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), propone un significativo spaccato di quanto è avvenuto nell’arte in Italia dal dopoguerra a oggi. La selezione sceltissima di 15 opere, che saranno allestite dall’architetto Nadir Bonaccorso, nei prestigiosi spazi museali di Lisbona si propone di valorizzare le variegate ricerche sia di artisti di fama consolidata, sia di artisti più giovani. Il percorso espositivo delineerà un diagramma di particolare qualità, lasciando affiorare il legame profondo con la nostra cultura figurativa italiana.

Gli artisti in mostra a Lisbona, appartenenti a generazioni e tendenze differenti, sono: Enrico Baj, Gabriele Basilico, Elena Bellantoni, Domenico Bianchi, Alberto Di Fabio, Flavio Favelli, Alberto Garutti, Francesco Impellizzeri, Mimmo Jodice, Domenico Antonio Mancini, Liliana Moro, Luigi Ontani, Pietro Ruffo, Ettore Spalletti, Luca Vitone.

Le opere, che spaziano dalle tecniche tradizionali alla fotografia, al video e all’installazione, dimostrano quanto l’arte di oggi sia in grado di cogliere gli avvenimenti della vita individuale e sociale del nostro mondo trasferendoli nella sfera dell’arte e della riflessione poetica.

La Collezione Farnesina, vanto del MAECI, che è stata istituita da un ventennio su iniziativa dell’allora Segretario Generale, Ambasciatore Umberto Vattani, grazie al contributo del critico d’arte Maurizio Calvesi, comprende oggi più di 470 opere di oltre 250 artisti. L’attuale comitato scientifico della Collezione Farnesina, istituito nell’aprile del 2013 è composto da: Gabriella Belli, Direttore Musei civici di Venezia; Fabio de Chirico, Dirigente MiBAC; Cristiana Collu, Direttrice della Galleria Nazionale d’Arte Moderna (GNAM) di Roma; Luigi Ficacci, Direttore dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro; Gianfranco Maraniello, Direttore del MART di Rovereto; Federica Pirani, Sovrintendenza Capitolina; Anna Mattirolo, Delegato alla ricerca e ai progetti culturali speciali Scuderie del Quirinale; Angela Tecce, Dirigente Mibact.

Il rapporto diretto con gli artisti o con i loro eredi, così come la collaborazione con prestigiose istituzioni museali, gallerie e fondazioni, si è dimostrato un segnale forte di fiducia nell’azione del Ministero. Molte delle opere della Collezione Farnesina sono inoltre state esposte in qualificate rassegne presso alcune delle più accreditate sedi museali a livello internazionale, come anche in mostre itineranti realizzate dallo stesso Ministero per promuovere l’arte italiana del XX e XXI secolo all’estero.

Proveniente da Dakar, dopo la tappa di Lisbona, la mostra proseguirà per Parigi. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 5 gennaio 2020.

 

Articoli correlati