Ripristinare anche per le associazioni culturali il 2x1000, la quota del reddito irpef che ogni contribuente può decidere di destinare, ad oggi, solo ai partiti politici. La possibilità di assegnare il contributo anche alle associazioni culturali era stata introdotta in via sperimentale nel 2016 su proposta di Dario Franceschini, ma non è stata ripetuta per gli anni successivi. Oggi, l’Associazione Officine Culturali torna a chiedere il ripristino del provvedimento lanciando una campagna di raccolta di firme su change.org. “Officine Culturali lancia la petizione ‘Ripristinare il 2x1000 per le associazioni culturali’ diretta al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini - spiegano i promotori -. Se vuoi sostenere anche tu nella tua dichiarazione dei redditi le associazioni che svolgono e promuovono attività culturali per le proprie comunità di riferimento firma e fai firmare la petizione”. 

IL 2X1000

La misura del 2X1000 (per i partiti politici) fu introdotta con decreto nel 2013 dal governo Letta (convertita in legge nel 2014) per sostituire progressivamente il finanziamento pubblico basando il contributo sulla scelta volontaria dei cittadini e non diretto dello Stato. 

Nel 2016, su proposta del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo e di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, venne consentito ai contribuenti di destinare il 2×1000 della propria imposta sul reddito, oltre che ai partiti politici, anche a favore di un’associazione culturale iscritta in un apposito elenco istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri. Si permetteva agli italiani di sostenere una associazione ritenuta affidabile, che avesse le finalità di svolgere e/o promuovere attività culturali per le proprie comunità di riferimento.

Quell’anno, 870.949 contribuenti destinarono 11.469.954,78 euro alle 1.130 associazioni aventi i requisiti. “Un risultato straordinario che sta consentendo in questi anni a molte quelle associazioni di moltiplicare e migliorare il proprio intervento e i propri impatti culturali a favore e insieme alle proprie comunità”.

Dall'anno successivo all'esperimento l’opzione di scelta per il contribuente di devolvere il 2×1000 alle associazioni culturali è scomparsa dai moduli di dichiarazione dei redditi. Da qui la raccolta firma per chiederne il ripristino. “Chiediamo che l'opzione venga ripristinata già nella dichiarazione 2019, per tornare a consentire ai contribuenti di sostenere le associazioni culturali di cui si fidano e di cui stimano l'operato”.

Approfondimenti

 

Articoli correlati