A poco più di cinque mesi dal suo insediamento, cambia nuovamente la composizione del Comitato per il recupero e la restituzione dei beni culturali. Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha deciso di rimettere mano all’organigramma del comitato definito a fine maggio scorso dal suo predecessore Alberto Bonisoli. E le novità non sono poche. 

TIZIANA COCCOLUTO

Innanzitutto esce dalla compagine ministeriale l’ex capo di Gabinetto di entrambi gli ultimi due ministri, Tiziana Coccoluto, che - con Franceschini prima e con Bonisoli poi - aveva ricoperto ‘di diritto’ il ruolo di coordinatore dell’organismo che si occupa di individuare le più efficaci procedure per l’azione da parte dell’amministrazione nell’ambito del recupero e della restituzione di beni culturali illecitamente usciti dal territorio italiano e di altri stati. 

DANIEL BERGER

In secondo luogo, rientra al ministero con un incarico ufficiale Daniel Berger. Classe 1938, è forse un unicum nella storia dei consiglieri ministeriali: per 14 volte consigliere del ministro della Cultura (questa sarebbe la 15esima se non fosse che non ha ricevuto l’incarico di consigliere, almeno finora). Da Ronchey (il primo che lo ha chiamato nel 1992) a Veltroni, da Melandri a Ornaghi, da Bray a Bonisoli, tutti gli ultimi ministri hanno avuto bisogno di lui al Collegio Romano. Ha esordito al ministero facendo parte dello stretto Gruppo di Lavoro per la stesura della Legge 4 del 1993 (la legge Ronchey). Ha suggerito l’idea del Lotto per i Beni Culturali a Walter Veltroni, che ora realizza 250 milioni di euro annui, dedicato al restauro e alla gestione dei Beni Culturali. Per Bonisoli è stato consigliere del ministro per tutte le attività di restituzione dei beni trafugati e le relative relazioni diplomatiche internazionali.

CONFERMATI ESTERI E GIUSTIZIA

“Rilevati gli esiti positivi del coinvolgimento, in seno al comitato, del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale e del Ministero della Giustizia” vengono confermati nella compagine dell’organismo anche i due rappresentanti dei rispettivi ministeri. L’inserimento dei due nuovi membri era stato voluto da Bonisoli nell’ultimo decreto di ricostituzione del comitato. 

LE ALTRE NOVITA’

Il nuovo coordinatore del Comitato sarà il capo dell’Ufficio legislativo del Ministero, attualmente Annalisa Cipollone. Entrano tra i membri, oltre al direttore generale Archeologia belle arti e paesaggio (Federica Galloni) e il dg Musei (Antonio Lampis), anche i direttori generali Archivi (Anna Maria Buzzi) e Biblioteche e istituti culturali (Paola Passarelli). Confermati infine anche il segretario generale, il comandante dei Carabinieri TPC, il consigliere diplomatico del ministro e un rappresentante dell'Avvocatura dello Stato.

 

Articoli correlati