L’onda verde del movimento ambientalista è pronta a scendere in piazza in tutto il mondo in occasione del quarto sciopero globale per il clima, in programma il 29 novembre. A sostenere la battaglia contro i cambiamenti climatici c’è anche la comunità museale con la campagna #MuseumsforFuture. Si tratta - si legge sul sito dedicato - di un movimento globale di operatori museali e professionisti del patrimonio culturale nato per supportare il movimento #FridaysForFuture. L’iniziativa è stata condivisa e sostenuta da Nemo, la rete delle organizzazioni dei musei europei, durante la conferenza - in Estonia dal 7 al 10 novembre - dedicata allo sviluppo sostenibile. Con l’hashtag #MuseumsforFuture i professionisti del patrimonio culturale possono pubblicare post sui social per sottolineare il loro impegno per il clima.

CLIMA E SCIOPERO: 10 AZIONI PER I MUSEI

In occasione dello sciopero del 29 novembre - al quale il movimento #MuseumsforFuture invita tutti i professionisti del patrimonio culturale a partecipare - è stato pubblicato un elenco di 10 azioni che i musei possono intraprendere per sostenere l’azione per il clima e per supportare la manifestazione di fine mese. Tra le 10 azioni (qui l’elenco completo) si consiglia di accogliere chi sciopera nel proprio museo, organizzare un’assemblea con i bambini dedicata al futuro sostenibile o mettere a disposizione i propri spazi per dibattiti e workshop. E ancora: rendere sostenibile le attività dei musei e promuovere l’utilizzo del traporto pubblico per raggiungerli.

Per essere coinvolti nel movimento #MuseumsforFuture è possibile scrivere ad action@museumsforfuture.org

 

Articoli correlati