Non è vero che l'inclusione delle bande musicali nel Terzo Settore ne segnerebbe la sparizione per troppa burocrazia e difficoltà gestionali. E’ quanto sostiene l’Associazione nazionale bande musicali italiane autonome (Anbima) in un documento inviato al governo nel quale chiarisce la propria posizione sul tema molto dibattuto del rapporto tra musica popolare bandistica e Codice del Terzo...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati