"Quando con il Governo dei 1000 Giorni facemmo i bandi internazionali per la direzione dei musei nazionali italiani i sovranisti ci accusarono di voler consegnare il nostro patrimonio culturale agli stranieri. Ma la cultura non conosce confini né frontiere. E continuiamo a pensare che per ruoli di questo tipo vada premiata più la competenza che la nazionalità". Lo scrive su Facebook l'ex premier Matteo Renzi. "Ecco perché siamo orgogliosi della nostra Chiara Parisi, scelta all'unanimità fra candidati arrivati dal mondo intero per dirigere il Centre Pompidou-Metz in Francia".

 

Articoli correlati