Martedì 19 a novembre a Roma, alle 16,30, nella sede dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell'Arte (piazza San Marco 49), verrà presentato il libro “Utopia e impostura” (Casa editrice Scienze e Lettere) di Francesca Valbruzzi e Paolo Russo.

Gli autori sono entrambi impegnati sul fronte della tutela del patrimonio culturale siciliano, come funzionari direttivi, l’una archeologa, l’altro storico dell’arte, in una delle nove Soprintendenza uniche siciliane. Il volume nasce dalla loro reazione morale alla crisi istituzionale del sistema regionale di tutela, che può sembrare oggi irreversibile. 

Valbruzzi e Russo cercano una soluzione possibile ai molti problemi, riscoprendo l’attualità del progetto riformatore regionale messo in campo negli anni Settanta e oggi testimoniato da leggi ancora vigenti ma inapplicate da decenni. L’Utopia di una tutela democratica e partecipata potrebbe, secondo gli autori, essere ancora realizzata in Sicilia, se si volesse riprendere il processo riformatore interrotto troppo presto, restituendo le risorse umane ed economiche adeguate alla tutela del vasto patrimonio culturale “della Nazione” conservato in Sicilia.

All’evento parteciperanno: Carlo Pavolini (università della Tuscia), Marisa Dalai Emiliani (università La Sapienza), Salvatore Bonfiglio (università Roma Tre), Adriana Laudani (Fondazione “Memoria e Futuro”) e Rita Paris (presidente dell’associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli).

 

Articoli correlati