La Maremma e i suoi musei partecipano alla 22esima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, che si svolge a Paestum (Sa), da domani a domenica 17 novembre. La rete museale provinciale, insieme ai due ambiti turistici Maremma Toscana Area Sud e Maremma Toscana Area Nord, ha allestito uno stand nel nel quale viene distribuito materiale promozionale di tutto il territorio e verranno date le informazioni per visitare la Maremma e i suoi Musei. Nell'ambito della Borsa, i Musei di Maremma presenteranno sabato 16 novembre alle ore 13.30 - proprio nell'anno dedicato al "turismo lento" - il progetto sulla “mobilità dolce tra i Musei”, curato per conto della Rete museale dal Museo di Storia Naturale di Grosseto e cofinanziato dalla Regione Toscana.

Si tratta di un progetto che, valorizzando la sentieristica certificata dalla rete toscana dei sentieri e quindi senza creare percorsi nuovi, collega tra loro con vari itinerari da percorrere a piedi, a cavallo o in bici i Musei e il territorio delle diverse aree in cui è suddivisibile la Maremma. Il progetto si collega ai progetti di “citizen science” di cui il Museo di Storia Naturale è capofila a livello nazionale, per cui i visitatori che percorrono i sentieri tra un Museo e l'altro potranno inviare al sito web collegato al progetto naturaesocialmapping.it foto di animali, piante e altro e le loro osservazioni che permetteranno ai ricercatori di ottenere informazioni utili alla ricerca e al monitoraggio. Un progetto dunque che mette insieme cultura, musei, ambiente e turismo lento e sostenibile.

“L’obiettivo della nostra partecipazione – commenta Irene Lauretti presidente della rete museale – è quella far conoscere tutta la Maremma Toscana in un settore culturale molto importante come quello del turismo archeologico. Per questo siamo molto soddisfatti di essere riusciti a partecipare alla Borsa insieme ai due Ambiti turistici perché in questo modo possiamo dare una immagine unitaria del nostro territorio. Inoltre sono presenti a Paestum anche i referenti di Follonica e Castiglione della Pescaia e questo rafforza ancora di più la nostra unità d’intenti”.

“Presentarsi a questi appuntamenti con una struttura e un gruppo compatto e ben organizzato ha molteplici vantaggi – spiega il vice sindaco di Grosseto e assessore al Turismo e alla Cultura, Luca Agresti -, ma soprattutto dà maggiore forza a un patrimonio culturale e archeologico che poche altre realtà a livello nazionale possono vantare. E permette di veicolarlo al meglio in Italia e all’estero attraverso progetti diversificati, frutto di un proficuo lavoro di squadra. Ben vengano quindi il connubio tra soggetti diversi, come la rete museale e gli ambiti turistici, per attività in loco e per promuovere i nostri beni culturali in importanti contesti come la Borsa del turismo archeologico a Paestum”, alla quale siamo onorati di partecipare”.

“I Musei di Maremma hanno già partecipato altre volte in passato alla Borsa del turismo archeologico di Paestum con stand ed eventi – ricorda la coordinatrice Roberta Pieraccioli -, ma questa volta la nostra presenza è ancora più importante perché ci torniamo insieme ai due Ambiti turistici e questo rafforza senza dubbio la nostra proposta”.

 

Articoli correlati