In mostra dal 27 novembre la prima retrospettiva a Mosca dell’artista italiano Lucio Fontana. L’esposizione organizzata in collaborazione con la Fondazione Lucio Fontana (Milano) include circa 60 opere che illustrano il percorso creativo del più importante artista italiano del Novecento: dalle prime sculture sperimentali degli anni ’30 e ’40 (tra cui sia opere figurative come “Il fiocinatore” (1933–1934, Museo del Novecento, Milano), sia oggetti astratti come la “Scultura spaziale” (1947, Fondazione Lucio Fontana), fino alle opere spazialiste della maturità, che risalgono agli anni ’50 e ‘60, e alle opere che fanno parte dei famosissimi cicli “Tagli” e “Fine di Dio”. Lucio Fontana è stato un pittore, ceramista e scultore italiano, argentino di nascita, fondatore del movimento spazialista.

La mostra, organizzata in collaborazione con l’Istituto italiano di cultura di Mosca, sarà aperta al pubblico fino al 23 febbraio presso il Multimedia Art Museum (Ostozhenka, 16).

 

Articoli correlati