Partiranno sabato 23 novembre 2019 a Palazzo Merulana le “visite tattili”, che nascono dalla volontà e dall’impegno della Fondazione Elena e Claudio Cerasi e di CoopCulture di rendere fruibile l’arte a tutti, abbattendo ogni forma di barriera architettonica e sensoriale. Le mani diventano motore dell’azione e di conoscenza di alcuni dei più grandi capolavori esposti a Palazzo Merulana in un itinerario rivolto al pubblico non vedente e ipovedente, accompagnato da un operatore didattico specializzato.

Il tema dell’accessibilità, per la nuova sede espositiva e culturale di via Merulana 121, è di grande importanza e imprescindibile dalla sua missione: l’apertura e la condivisione a 360 gradi del patrimonio culturale custodito al suo interno e la valorizzazione del sito come spazio di incontro e di produzione culturale, rivolte a tutte le fasce di utenza, e in particolare, in questa occasione, a un pubblico con esigenze speciali. E’ così che si avvia un calendario di visite tattili destinate a partecipanti non vedenti e ipovedenti grazie al quale sarà possibile conoscere più approfonditamente una selezione di opere plastiche esposte in collezione, in un percorso di visita dedicato a Raphaël, Fazzini, Pugliese, Ceroli e altri.

 

Articoli correlati