L’Aquila è “pronta a candidarsi a Capitale italiana della cultura per il 2021”. Ad annunciarlo il sindaco del capoluogo d’Abruzzo, Pierluigi Biondi, durante la presentazione della Carta dell’Aquila, il manifesto delle città delle aree interne. “Formazione e innovazione sono temi centrali per sostenere il percorso di rinascita dopo il sisma del 2009 e dimostrare come una terra ferita possa risollevarsi se trova il coraggio di scommettere su un diffuso sistema di competenze e sui propri talenti. Una città dei saperi, della conoscenza ma anche dalla fertile e antica tradizione culturale, pronta a candidarsi a Capitale italiana della cultura per il 2021” ha dichiarato Biondi.

Il bando per la Capitale italiana della Cultura 2021 - online sul sito del ministero per i Beni culturali - scade il 16 dicembre. La Capitale italiana della Cultura è stata istituita nel 2014 e ha tra gli obiettivi quello di sostenere, incoraggiare e valorizzare l’autonoma capacità progettuale e attuativa delle Città, affinché venga recepito in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l’integrazione, la creatività, l’innovazione, la crescita e lo sviluppo economico.

 

Articoli correlati