Via libera all’unanimità dalle commissioni Cultura ed Esteri della Camera alla risoluzione sulla promozione del cinema italiano all'estero presentata da Nicola Acunzo (M5S). “Grande soddisfazione, la politica all’unanimità dice sì alla cultura e alle cose belle”, ha commentato Acunzo. “La proposta tende a dare una concretezza a un fenomeno che va a incidere sul Pil e sul cineturismo. Dietro il mondo dello spettacolo ci sono artigiani, persone che lavorano, c’è indotto e nuovi posti di lavoro”. 

LA RISOLUZIONE

La risoluzione, in particolare, impegna il governo ad assumere iniziative per istituire la “Giornata mondiale del cinema italiano”, per promuovere quella che diventerà una ricorrenza annuale in una data simbolica, interessando gli Istituti italiani di cultura all'estero che, in contemporanea mondiale, attueranno un'azione promozionale strutturata, attraverso proiezioni di film italiani selezionati da un'apposita commissione, così da ottenere molteplici effetti positivi tra i quali:
a) arricchire l'offerta culturale degli Istituti italiani di cultura;
b) permettere ai giovani autori di avere maggiore visibilità;
c) contribuire con efficacia alla promozione dell'immagine dell'Italia all'estero, facendo conoscere storie, luoghi tradizioni della nostra identità artistica e sociale contemporanea;
d) valorizzare e fare conoscere meglio i grandi del cinema italiano;
e) intensificare l'afflusso turistico attraverso il cinema (cineturismo).

La risoluzione nasce da una proposta di legge presentata nelle scorse settimane da Acunzo, che prevedeva che la “Giornata mondiale del cinema italiano” fosse celebrata ogni anno, a partire dal 2020, il giorno 20 gennaio, anniversario della nascita di Federico Fellini. Nella giornata presso le sedi degli istituti italiani di cultura è organizzata in contemporanea la proiezione delle opere cinematografiche e audiovisive italiane di ogni tipo, compresi cortometraggi, documentari e docufilm, scelte da un’apposita commissione. La giornata potrebbe concludersi per tutti alle 8,30 di sera con la proiezione di 8 ½ di Fellini.

 

Articoli correlati