Anche quest‘anno prima di Natale l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo invita alla visione presso la propria Biblioteca di cinque corti nella notte dedicata al cortometraggio. Dal 2010 il 21 dicembre, è stato consacrato giorno internazionale del cortometraggio. In più di cinquanta Paesi si celebra la ricorrenza programmando corti in sala, in televisione o in eventi specifici. Il successo dell’iniziativa rende lo Short Film Day una vetrina ideale per le opere brevi che, durante l’anno, difficilmente escono dal circuito festivaliero.

Il Centro Nazionale del Cortometraggio ha realizzato un programma di corti italiani recenti che vuole essere una galleria sulla produzione italiana, dedicata al nostro Paese e all’estero. Il programma, infatti, oltre a essere a disposizione per sale, associazioni e cineclub italiani, è a disposizione del circuito delle rappresentanze diplomatiche italiane all’estero: ambasciate, consolati e istituti di cultura che possono aderire al progetto e inserirlo nella propria programmazione. Una formula che permette una larga diffusione del corto italiano nel mondo, con riscontri sempre estremamente positivi.

L‘Istituto Italiano di Cultura di Amburgo invita per la notte del cortometraggio tutti gli interessati e appassionati di cinema venerdì 20 dicembre 2019 alle 19 a partecipare alla proiezione di cortometraggi scelti dal "Centro nazionale del cortometraggio” . Le proiezioni saranno in lingua italiana con i sottotitoli in inglese. L’evento è organizzato in collaborazione con il Centro nazionale del Cortometraggio di Torino.

I corti selezionati sono:

Frontiera, di Alessandro Di Gregorio – 2018 – 18' Un adolescente al primo giorno di lavoro da necroforo e un ragazzo alla prima missione da sommozzatore, sono sul ponte di un traghetto diretto a Lampedusa. Non si conoscono, ma quando metteranno piede sull’isola le loro vite cambieranno per sempre: uno dovrà recuperare i corpi die naufraghi, l’altro li dovrà seppellire, in una sorta di balletto fra la vita e la morte, l’innocenza e la sua perdita.

La giornata, di Pippo Mezzapesa – 2017 – 12' La storia di Paola Clemente, bracciante pugliese di quarantanove anni, morta di fatica sotto il sole nei campi del Sud, viene raccontata con le parole tratte dagli atti dell'inchiesta ai caporali che la sfruttavano e dalle donne che viaggiavano in pullman con lei.

Polvere Sottile, di A. Boatto, G. Cianci, S. Zanonato – 2018 – 8' La Terra ha ceduto all'inquinamento, tutto è sommerso da un mare di polvere scura e sottile. Una giovane donna si è salvata a bordo di una zattera improvvisata e sopravvive grazie al cibo che recupera nella città abbandonata, immergendosi nel mare di polvere. La donna finalmente atterrerà su un'isola e troverà una piccola pianta che crescerà con molto amore.

Gagarin mi mancherai, di Domenico De Orsi (Fiction) – 2018 - 20’ In un mondo dove la natura si presenta impervia e ostile, un uomo e una donna vivono come sopravvissuti all’estinzione della specie. Lavorano come contadini, affrontano docilmente la fatica, il silenzio, l’esistenza. Spinto dal desiderio di altrove, l’uomo si rifugia nella sua immaginazione. Visita i villaggi abbandonati, raccoglie rottami e progetta improbabili macchine volanti. La donna lo osserva da lontano, ma resta al suo fianco, con l’abnegazione e la cura che si deve a chi forse le appare come un pazzo. Almeno finché dal cielo qualcosa precipita al suolo, e irrompe nella loro vita. Un ospite inatteso, che li costringerà a interrogarsi su identità, realtà e desiderio, e sull’atto stesso di immaginare.

Parru pi tìa, di Giuseppe Carleo (Fiction) – 2018 – 15’ Annachiara vive nella periferia di Palermo con la sua famiglia, sta aspettando il suo ex fidanzatoper rivederlo un'ultima volta. Cerca invano di riconquistarlo ma la nonna le suggerisce un rito antico che potrebbe salvare le sorti di questo amore andato in frantumi.

 

Articoli correlati