Franck Riester, ministro francese della Cultura, ha deciso di rifiutare il rilascio del certificato di esportazione per il dipinto di Cimabue "Il Cristo deriso". La celebre opera era stata ritrovata casualmente in una casa vicina alla cittadina di Compiegne e fu venduta all’asta in Francia lo scorso ottobre per 24 milioni di euro. La casa d’aste Acteon sottolineò che la somma, pagata da un acquirente anonimo del nord della Francia, registrò un nuovo record mondiale per un dipinto medievale venduto all'asta.

A seguito del parere del Comitato consultivo per i tesori nazionali, il Ministro della Cultura ha firmato il decreto di rifiuto del certificato di esportazione, conferendogli così lo status di tesoro nazionale per un periodo di 30 mesi che inizierà dalla notifica di tale decisione al proprietario. Questo periodo verrà utilizzato per raccogliere i fondi necessari per la realizzazione di un'acquisizione a beneficio delle collezioni pubbliche nazionali al fine di consentire al dipinto di unirsi a La Maestà già conservata al Louvre.

Secondo quanto riferisce la rivista d'arte francese Connaissance des arts, al momento dell’asta il Louvre non fu in grado di posizionarsi, a causa della mancanza di fondi sufficienti. Tuttavia, quando è stato venduto, il dipinto non aveva un certificato di esportazione. La sua acquisizione è rimasta quindi subordinata all'ottenimento di un permesso di uscita, essenziale per qualsiasi acquisizione di beni culturali di interesse storico, artistico o archeologico. Lo Stato francese ha così ancora la possibilità di acquisire questa tavola.

“Saluto il ruolo eminente svolto dal sistema di controllo sull'esportazione di beni culturali per la protezione e l'arricchimento del patrimonio nazionale e ringrazio i membri della Commissione consultiva per i tesori nazionali, sotto la guida del suo presidente, Edmond Honorat, la cui attenta valutazione delle proposte di rifiuto dei certificati ispira le mie decisioni. Grazie al tempo concesso da questa misura, ogni sforzo può essere fatto per garantire che questo lavoro eccezionale arricchisca le collezioni nazionali ", ha affermato Riester.

 

Articoli correlati