Il nuovo anno di appuntamenti e incontri al Museo storico e il Parco del Castello di Miramare avrà inizio venerdì 10 gennaio alle 15 con una conferenza dal taglio storico. Esperti e studiosi approfondiranno il rapporto degli Asburgo, l’imperatore Francesco Giuseppe, il fratello arciduca Massimiliano e la sua consorte Carlotta del Belgio, con Vienna e le altre corti imperiali, rapporti istituzionali e diplomatici che hanno visto spesso protagonista il Castello di Miramare. Gli interventi saranno inframezzati da intermezzi musicali (Giuseppe Tartini, Robert Schumann, Maurice Ravel, Camille Saint-Saens e Sebastian Iradier). La realizzazione dell’iniziativa è stata possibile, infatti, grazie alla collaborazione tra il Museo storico e il Parco del Castello di Miramare e l’Associazione DOnaREmuSIca.

Dopo i saluti istituzionali in apertura, con gli interventi del direttore Andreina Contessa, del presidente dell’Associazione DOnaREmuSIca Furio Treu, dei governatori del Lions Club Trieste Host, del Distretto Lions 108Ta e del console onorario d’Austria a Trieste, la prima relazione sarà a cura di Renate Lunzer che tratterà gli anni dal 1845-1860, cruciali sia per la vita e la storia dell'Austria-Ungheria sia per Trieste. Di Massimiliano d'Asburgo poeta, aforista e scrittore di viaggi tratterà Lorenza Rega mentre della sua esperienza prima di Miramare, quando scoprì la città di Trieste, prendendone in seguito dimora, parlerà Rossella Fabiani. Alice Cavinato si occuperà invece di Carlotta del Belgio e del suo rapporto con Vittoria d’Inghilterra attraverso testimonianze documentarie e figurative che sono oggetto anche del Focus on attualmente allestito nel Museo negli appartamenti del Duca d’Aosta.

Concluderà gli interventi il direttore Andreina Contessa che nella sua relazione parlerà del Parco del Castello di Miramare, che accoglie circa 800mila visitatori all’anno ed è considerato dai triestini un “luogo del cuore”, dove fare una passeggiata e trascorrere qualche ora di serenità. Per conservarlo e curarlo al meglio bisogna rivolgersi alla storia e al passato. Il direttore spiegherà come il percorso di valorizzazione, ripristino e conservazione del verde intrapreso dal 2018 si fondi sull’analisi e lo studio della documentazione che accompagnò la nascita e lo sviluppo del parco di Miramare al tempo di Massimiliano, così come sullo studio dell’antica documentazione fotografica.

L’incontro si chiuderà con la lettura di una poesia in versione italiana e tedesca a cura di Maria Valentina Kravanja dell’Associazione Capire Trieste.

 

Articoli correlati