Si terrà mercoledì 15 gennaio alle 16,30 a Bologna (Auditorium Biagi - Biblioteca Salaborsa, Piazza Nettuno 3) la tavola rotonda “Come stanno le Icc: voci dai territori sulle industrie culturali e creative”. 

Da diversi anni alcune città, regioni e istituzioni pubbliche e private hanno attuato politiche e azioni di sostegno alle professioni e imprese creative. Sembra finalmente essere giunto un buon momento per pensare a nuove modalità di sviluppo per un settore ampio, articolato ed eterogeneo, rafforzando il dialogo tra i soggetti che più hanno contribuito a mettere in evidenza questo tema cruciale per il nostro Paese.

L’auspicio è che la tavola rotonda possa essere l’avvio di un tavolo nazionale per condividere buone pratiche, identificare le sfide che ci aspettano e disegnare future iniziative, pensate con un approccio integrato, intersettoriale e con una governance multilivello.

IL PROGRAMMA

Il programma prevede alle 16,30 la presentazione dei nuovi vincitori del progetto INCREDIBOL! - l’INnovazione CREativa DI BOLogna. 

Dalle 18 la Tavola rotonda con: Matteo Lepore, Assessore del Comune di Bologna, Filippo Del Corno, Assessore del Comune di Milano, Vincenzo Bellini, Presidente Distretto Puglia Creativa, Morena Diazzi, Direttore Generale economia della conoscenza, del lavoro e dell’impresa della Regione Emilia-Romagna, Vincenzo Santoro, Responsabile Dipartimento Cultura e Turismo ANCI, Nicola Borrelli, Direttore Generale Creatività Contemporanea e Rigenerazione Urbana del Mibact, Gian Paolo Manzella, Sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico. 

Che cos’è INCREDIBOL

INCREDIBOL! – l’INnovazione CREativa DI BOLogna è un progetto per il sostegno alla crescita del settore culturale e creativo in Emilia-Romagna, attivo da quasi dieci anni. Coordinato dal Comune di Bologna e sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna INCREDIBOL!, ha l’obiettivo di rafforzare il tessuto produttivo e i valorizzare i talenti della regione. Le professioni e industrie culturali e creative, infatti, hanno un ruolo sempre più importante in generale e in particolare sul territorio, sia in termini di sviluppo economico e creazione di posti di lavoro, sia come fattore di innovazione sociale, rigenerazione urbana e miglioramento della qualità della vita. 

La Regione Emilia-Romagna ne ha riconosciuto l’importanza fin dal 2014, inserendo le ICC come traiettoria di sviluppo all’interno della ‘S3, strategia di specializzazione intelligente’ per il 2014-2020, sottolineandone il potenziale ancora parzialmente inespresso e avviando nuove politiche e azioni di sostegno.

 

Articoli correlati