Mercoledì 15 gennaio avranno inizio le lezioni del nuovo corso di Storia dell'arte del FAI - Fondo Ambiente Italiano dedicato a "Case e chiese di Milano - Venti inviti da non perdere", attraverso una serie di affondi monografici dedicati a edifici sacri e profani del capoluogo lombardo. Ogni lezione esaminerà un monumento attraverso plurimi punti di vista, con attenzione sia alla ricostruzione dei contesti storici e artistici - anche di quelli più vicini a noi - che al valore culturale intrinseco del monumento.

Dopo il successo di  "El nost Milan", con questa tredicesima edizione il corso del FAI, curato da Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa,  proporrà venti appuntamenti, della durata di 60-75 minuti ciascuno, a cadenza settimanale tra gennaio e novembre 2020 alle ore 18, presso l'Aula Magna dell'Università degli Studi di Milano (via Festa del Perdono 7), con l'obiettivo di creare un momento di riflessione sul destino di alcune emergenze monumentali di Milano, a fronte dei problemi di tutela e crisi delle vocazioni che hanno portato a riconversioni varie gli edifici sacri della città. L’iscrizione al corso dà diritto a quattro visite guidate, due a chiese e due a palazzi.
 

 

Articoli correlati