“Il libro è il simbolo della cultura e della conoscenza, nonché uno straordinario strumento di educazione. Tuttavia, nel nostro Paese e non solo, il fenomeno della pirateria - così largamente diffuso - rischia di danneggiare ulteriormente un settore già segnato dalla crisi. Per questo occorre tutelare il libro e il settore editoriale, a garanzia del patrimonio culturale e della crescita del paese". Così Paolo Lattanzio, capogruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura alla Camera.

"Per farlo è necessario pensare a una strategia che contrasti la diffusione privata di volumi e che tuteli l’editoria, attraverso la promozione di cultura e conoscenza del settore, soprattutto tra i più giovani. Educazione all’uso e alla produzione dei media e valorizzazione delle numerose realtà editoriali presenti nel nostro Paese sono gli strumenti fondamentali per una strategia realmente capace di tutelare il settore e quanti operano al suo interno. A questo proposito è all’esame del Senato una legge - di cui è prima firmataria la collega Flavia Piccoli Nardelli - che già abbiamo approvato alla Camera e che darà un importante sostegno agli operatori del settore. Dobbiamo rendere accessibile la cultura a chi non è in condizione di pagare per fruirne e allo stesso tempo fare in modo che i nostri concittadini, non solo i più giovani, riconoscano il valore dei libri e il prezioso ruolo che svolgono per il progresso culturale, civile e anche economico di un Paese”.

 

Articoli correlati