Dalla proficua collaborazione tra il Museo di Stato di Auschwitz-Birkenau ed il Polo museale della Puglia, con il supporto di Aneta Banasik, nasce la possibilità di esporre per la prima volta in Italia, nei suggestivi spazi delle Casematte del Castello Svevo di Trani restituiti alla fruizione dopo un attento intervento di restauro, una mostra dal titolo “Auschwitz nelle opere degli ex-prigionieri”. L’inaugurazione si terrà domenica 26 gennaio alle 17,30.

Attraverso un allestimento asciutto ed essenziale costituito da ventiquattro pannelli, il visitatore potrà soffermarsi a riflettere sulle inumane condizioni degli uomini, delle donne e dei bambini rinchiusi nei campi, descritti attraverso la stampa di disegni originali ed inediti (realizzati tra il 1945 e il 1980) e le parole di quanti, salvatisi dalla morte, hanno trovato la forza di testimoniare davanti al mondo, un momento di totale privazione del senno umano. 

La mostra, la cui realizzazione è sostenuta con il supporto economico del Museo di Auschwitz-Birkenau, potrà essere visitata sino al 26 marzo 2020, secondo gli orari di apertura al pubblico osservati dal Castello Svevo di Trani. 

 

Articoli correlati