L’ex europarlamentare dem Silvia Costa è stata nominata Commissario straordinario del Governo per il recupero dell’ex carcere borbonico dell’isola di Santo Stefano (Ventotene). La nomina, su proposta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, è arrivata nel corso del Consiglio dei ministri di giovedì sera.

Sul piano di recupero dell’ex carcere era tornato Franceschini nel mese di ottobre. “Purtroppo nell’ultimo anno il percorso si era inspiegabilmente arenato, ma appena ritornato al ministero ho cercato di capire le difficoltà, ho parlato con il Sindaco, con Zingaretti come Presidente della Regione Lazio, con il Ministro Provenzano e quindi ho proposto con una lettera del 17 ottobre al Presidente del Consiglio la nomina di un commissario per seguire e accelerare l’iter del progetto già finanziato con 70 milioni di euro”, sottolineava tre mesi fa il titolare del Collegio Romano.

Nell'ottobre del 2015 è stato costituito un Tavolo tra Ministero per i beni e le attività culturali, Regione Lazio, Agenzia del demanio e comune di Ventotene e nel gennaio del 2016, l'allora premier Renzi, il Ministro Franceschini e il Presidente della Regione Lazio Zingaretti annunciarono il piano di recupero. Nel 2017 è stato anche inaugurato l'eliporto di Santo Stefano, realizzato con circa 1 milione di euro presi da quel finanziamento di 70 milioni di euro.

In quell’occasione Franceschini dichiarò: “Credo che qui ci sia una grande sfida su tanti fronti: la simbologia fortissima di questo luogo, per ricordarci la lotta al fascismo e per ricordarci l’idea straordinaria di Europa nata da Ventotene. Ma c’è anche la bellezza incredibile di un luogo stupefacente e meraviglioso”.

 

Articoli correlati