Il 25 e il 26 febbraio a Lione si terrà il primo forum del progetto NETCHER – NETwork and digital platform for Cultural Heritage Enhancing and Rebuilding, che ha l’obiettivo di armonizzare e coordinare varie iniziative di contrasto al traffico illegale di beni culturali. Durante il forum saranno presentati i risultati del primo anno del progetto e una serie di raccomandazioni. I risultati raggiunti saranno discussi con le parti interessate con l’obiettivo di identificare nuove strade di cooperazione in materia di lotta al saccheggio e al traffico illegale dei beni culturali.

Il progetto NETCHER, avviato a gennaio 2019, ha l’obiettivo di mettere in connessione attraverso un network di scala europea enti, istituzioni, associazioni e singoli coinvolti nella salvaguardia del Patrimonio Culturale. NETCHER comprende sette entità europee e diversi third parties: in Italia l’Università Ca’ Foscari di Venezia, con il Center of Cultural Heritage Technologies dell’Istituto Italiano di Tecnologia e Science Gallery della Fondazione Ca’ Foscari, in Francia il Centre National de la Recherque Scientifique, con l’istituto HiSoMa dell’Università di Lione2, l’École National Supérieure de la Police e Capital High Tech, in Belgio Michael Culture Association, in Spagna Interats e in Germania il Deutsches Archäologische Institut.

 

Articoli correlati