Federculture accoglie con grande favore il via libera definitivo alla legge sulla promozione della lettura votato all’unanimità dall’Aula del Senato. Una novità che segnala per la prima volta un interesse vero del Governo per un tema fondamentale per la crescita culturale del Paese. "Con questo intervento legislativo – commenta Andrea Cancellato, Presidente di Federculture –, finalmente si pongono in essere misure concrete per superare quella che, come Federculture, da tempo definiamo un’emergenza nazionale, (i dati sulla lettura in Italia sono drammatici: il 60% degli italiani non legge nemmeno un libro l’anno), poiché siamo convinti che la lettura sia la “porta” di accesso primario alla cultura. Ci sembrano molti i contenuti positivi di questa legge – il Piano nazionale d'azione per la promozione della lettura e i Patti locali per la lettura, che stimoleranno nei territori il coinvolgimento di tutti gli attori interessati per attuare azioni efficaci; le misure per il contrasto della povertà educativa e culturale, la "Carta della cultura"; gli interventi diretti a sostegno delle librerie; l’istituzione della "Capitale italiana del libro" –, che ci auguriamo diano impulso alla conoscenza e alla consapevolezza della cultura tra i cittadini e complessivamente alla crescita della società".

"Auspichiamo anche che a questo provvedimento se ne affianchino in futuro altri, di altrettanto ampia portata, a cominciare da una rinnovata azione a sostegno delle biblioteche di pubblica lettura, veri presìdi culturali nei territori e strumenti di inclusione sociale nelle città e nelle periferie, e da politiche di sostegno al consumo culturale attraverso la defiscalizzazione, anche dell’acquisto dei libri, come avviene ad esempio per le medicine".

 

Articoli correlati