Erminia Sciacchitano entra a far parte degli uffici di diretta collaborazione del ministro per i Beni culturali e per il Turismo, Dario Franceschini. Lo stabilisce un decreto firmato dal titolare del Collegio Romano. Sciacchitano lascia Bruxelles, dove ha lavorato alla Direzione generale Educazione e cultura della Commissione europea. È stata Advisor scientifico dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018. Si è occupata e ha contribuito allo sviluppo delle politiche per il patrimonio culturale e di economia della cultura dal 2014. In precedenza, presso il ministero per i Beni culturali è stata responsabile di Unità per le Relazioni Internazionali e la Ricerca.

Membro di numerosi comitati nazionali ed europei e gruppi di lavoro, si è occupata, a livello nazionale e internazionale, di un ampio spettro di attività: gestione di progetti europei di ricerca applicata ai beni culturali, mobilità degli artisti, creazione contemporanea, architettura sostenibile, turismo culturale, economia creativa, accesso e partecipazione alla cultura. Nel 2013 ha presieduto il Comitato direttivo per la cultura, il patrimonio e il paesaggio del Consiglio d’Europa. Ha coordinato i lavori che hanno condotto alla firma da parte dell’Italia della Convenzione quadro sul valore del patrimonio culturale del Consiglio d’Europa (Convenzione di Faro, 2005). Laureata in Architettura presso l’Università di Roma La Sapienza, ha conseguito un dottorato di ricerca in studi di architettura e un Master in Studi europei e negoziati internazionali.

 

Articoli correlati