Il sindaco di Cremona, Gianluca Galimberti, ha emesso una seconda ordinanza "contingibile ed urgente con la quale dispone l'annullamento delle manifestazioni e di eventi pubblici in programma su aree pubbliche o all'interno di musei e teatri, nonché di tutte le manifestazioni e le attività sportive non professionistiche promosse da federazioni, enti, associazioni e società sportive fino a successiva revoca". E' quanto si legge in una nota del Comune di Cremona.

"Il provvedimento è stato preso tenendo conto degli sviluppi e delle notizie relative alla diffusione del nuovo coronavirus nei territori dei Comuni di Codogno, Casalpusterlengo e di altri Comuni di cintura, distanti pochissimi chilometri da Cremona, nonché nel Comune di Sesto ed Uniti, e naturalmente sulla base delle valutazioni emerse in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica del 21 febbraio".

L’ordinanza è stata predisposta inoltre a seguito dei contatti avuti, e tutt'ora in corso, con la Prefettura di Cremona, l'Assessorato Regionale alla Sanità e la Direzione di ATS Val Padana rispetto alla situazione attuale, attenendosi alle indicazioni ricevute, nonché alle interlocuzioni informali, in particolare con l'Assessorato alla Sanità di Regione Lombardia, a seguito delle quali è stata prefigurata l'opportunità di adottare misure precauzionali in modo da porre immediato rimedio ad una situazione di natura straordinaria per tutelare al massimo la salute dei cittadini. Per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte.

 

 

 

Articoli correlati