Via libera alla riprogrammazione e rimodulazione del “Programma operativo complementare” di azione e coesione «Cultura e sviluppo» 2014-2020. Pubblicata in Gazzetta Ufficiale - dopo la registrazione alla Corte dei conti del 28 febbraio - la delibera del Cipe del 21 novembre 2019 che ha messo a disposizione un risparmio di 29.785.462 euro destinabili all'implementazione della dotazione finanziaria del Programma operativo complementare, portando l’ammontare complessivo delle risorse destinate al programma a 163 milioni di euro (erano 133).

L’obiettivo è quello di utilizzare le economie individuate al fine di implementare, in particolare, la dotazione finanziaria dell'Azione (l.b) che riguarda “interventi inseriti in specifiche strategie di valorizzazione territoriale e/o progetti di sistema”. Si tratta, di fatto, di finanziare 19 nuovi progetti da realizzare nelle cinque "Regioni meno sviluppate" (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia): dalla Villa Ruggiero a Ercolano (6 mln di euro) alle catacombe ebraiche di Venosa (2,5 mln), dalla Villa Marittima e Antiquarium di Minori (4,95 mln) al Castello di Ginosa (4 mln).

LA COMMISSIONE MIBAC

Ad aprile 2019, il Servizio Il del Segretariato Generale ha invitato gli Istituti centrali e periferici del MIBAC a presentare proposte progettuali da finanziare, tra l'altro, sul POC 2014-2020. Successivamente è stata nominata una commissione da parte dell'Autorità responsabile del Piano (arch. Dora Di Francesco dirigente del Servizio Il del Segretariato Generale) che ha valutato nel merito le proposte pervenute, stilando una graduatoria di progetti ammissibili a finanziamento. 

LE RIMODULAZIONI MIBAC

Oltre ai 29 milioni di risparmi maturati, il Mibac ha revocato il finanziamento dell'intervento sul Parco archeologico di Siracusa e l'importo di un intervento riguardante la Reggia di Caserta è stato soggetto ad una decurtazione che ha portato l'importo iniziale da 10 a 5 milioni di euro, per un totale di risorse liberate pari a 11.583.445 euro. Pertanto, il totale movimentato all'interno dell'Asse 1 (Rafforzamento delle dotazioni culturali) - linea di azione 1 del Programma è di 41.368.908 euro, derivante dalla somma delle economie (29.785.462,48) e dell'importo proveniente dagli interventi revocati sopra citati (11.583.445,75). 

A fronte, quindi, della movimentazione di questi 41 milioni di euro sulla linea di azione 1 ed in seguito alla ricognizione effettuata dal ministero ad aprile 2019, sono stati programmati ad oggi 19 interventi per un totale di 40.552.311.

 

Articoli correlati