Ascoltare letture ad alta voce si può. Sempre. Anche e soprattutto in questi giorni in cui le attività didattiche sono sospese e tutti gli alunni sono a casa. La Regione Toscana adegua il progetto “Leggere: Forte! Ad alta voce fa crescere l’intelligenza” alla circostanza straordinaria di questo periodo, mettendo a disposizione di bambini e ragazzi audio e video di letture ad alta voce a cui accedere in questo periodo di chiusura delle scuole.

"Leggere: Forte! non si ferma, ma si adatta a questo momento straordinario e critico per far in modo che anche a casa i bambini e i ragazzi possano continuare nel benefico ascolto della lettura ad alta voce. Abbiamo pensato a questi audio e video come una risorsa da mettere a disposizione degli insegnanti per la didattica a distanza attivata in questo periodo” - afferma Cristina Grieco, assessore all’istruzione della Regione Toscana- . I bambini più difficilmente raggiungibili, che sono quindi quelli che da un punto di vista della deprivazione educativa sono più a rischio in questo periodo, sono quelli dei nidi, dato che per loro ovviamente non è pensabile la didattica da remoto che è stata attivata per la scuola. Con questi video speriamo quindi di poterne raggiungere un altissimo numero, per garantire loro continuità di attività educative.”

È questo infatti uno dei cardini del progetto, la continuità della lettura. Anche in un momento complesso come questo leggere ai piccoli come ai grandi aiuta lo sviluppo di tutte quelle ricadute positive che la lettura ad alta voce, praticata regolarmente e in modo intensivo, può dare.

“In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di potenziare il nostro progetto Leggere: Forte! e dargli un valore aggiunto” - afferma Monica Barni, vicepresidente della Regione Toscana-. Crediamo che in un momento difficile come quello che tutti stiamo attraversando, le audio e video letture di Leggere: Forte! possano anche essere l’occasione per i nostri figli, nipoti, allievi e studenti di valorizzare la lettura ad alta voce e far sì che la pratica di leggere diventi un'abitudine sociale quotidiana in tutte le case. Lo facciamo insieme, grazie allo sforzo e all'impegno di tutti noi, ma soprattutto degli insegnanti che con Leggere: Forte! fanno passare anche il messaggio fondamentale e prezioso in questi giorni che leggendo non siamo mai soli".

Il gruppo di ricerca del progetto coordinato da Federico Batini, docente dell’Università degli Studi di Perugia,  insieme a volontari del movimento Laav (Letture ad alta voce), si è mobilitato in grande velocità per realizzare una selezione audio e video di letture ad alta voce come risorse didattiche.
Sono circa 40 i testi letti, pensati per tutte le fasce d’età, dal nido alla scuola secondaria di secondo grado. In pochissime ore è arrivata la disponibilità di moltissime educatrici e insegnanti che hanno dimostrato grande sensibilità e generosità nel comporre in poco tempo un’offerta di lettura ad alta voce da fruire a distanza da parte delle classi.

Con “Leggere: Forte!” la Regione Toscana punta a introdurre gradualmente in tutte le scuole di ogni ordine e grado la lettura ad alta voce quale strumento per lo sviluppo delle competenze cognitive di base dei bambini e dei ragazzi, del potenziamento della loro capacità intellettiva, delle abilità relazionali, delle emozioni, dello sviluppo del pensiero critico. È un progetto di Regione Toscana realizzato con Università degli studi di Perugia, Ufficio scolastico regionale per la Toscana, Indire (Istituto nazionale documentazione innovazione ricerca educativa) e Cepell (Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo).

 

Articoli correlati