Quest'anno, in occasione del ventesimo anniversario dell'apertura del Museo Nazionale del Cinema alla Mole Antonelliana e della nascita di Film Commission Torino Piemonte, il capoluogo piemontese è ‘Città del Cinema’. Per l’occasione, il mensile Ciak e il Museo Nazionale del Cinema di Torino, insieme a Film Commission Torino Piemonte e con la Media Partnership di Rai Movie e RaiPlay lanciano la grande iniziativa I FILM DELLA NOSTRA VITA, rivolta a tutti gli appassionati di cinema, che si propone di scoprire le pellicole che ci hanno colpito ed emozionato, ripercorrendo la storia del cinema, dalle origini fino ai nostri giorni.
 
Il pubblico potrà scegliere i titoli che più lo hanno appassionato, attraverso un torneo a eliminazione diretta in cui i film si scontreranno tra loro, votati ogni volta, da chiunque voglia farlo, online sul sito www.ciakmagazine.it.

IL MECCANISMO

Il progetto I FILM DELLA NOSTRA VITA proporrà una sorta di Grande Slam delle passioni cinematografiche, in cui ci sarà spazio per i gusti di tutti: commedie, film drammatici, animazione, fantascienza, serie tv, film muti, oltre alla categoria speciale Film ambientati in Piemonte, in omaggio alle due realtà che proprio il 20 luglio 2020 compiono 20 anni: il Museo Nazionale del Cinema alla Mole Antonelliana e la Film Commission Torino Piemonte.
 
“Non ci interessa creare l’ennesima classifica dei film più belli di sempre - sottolinea Flavio Natalia, Direttore di Ciak e ideatore dell’iniziativa - bensì formare un quadro dei titoli che più degli altri hanno lasciato dentro di noi la grande magia del cinema. Si tratta, in definitiva della versione digitale (particolarmente utile, purtroppo, in tempi di quarantena), di quanto avviene già, da sempre, in situazioni conviviali, quando ci si ritrova a confrontare gusti in fatto di cinema, o a stilare classifiche dei film che ci sono più cari, magari dividendoli per generi, o per epoche, in confronti via via sempre più appassionati. Un tributo al cinema che consentirà di formare un quadro completo, e in definitiva senza precedenti, di quali siano i film che più hanno colpito la fantasia degli italiani”.
 
“Chiedere ad appassionati cinefili o semplici curiosi di scegliere il proprio film preferito mi sembra davvero un bel modo per festeggiare il ventesimo compleanno del Museo Nazionale del Cinema alla Mole Antonelliana - afferma Domenico De Gaetano, Direttore del Museo Nazionale del Cinema. Si dà in qualche modo a tutti la possibilità di fare una scelta ripercorrendo, con un esercizio mnemonico, i momenti più significativi della propria vita scanditi da un’unica parola chiave: il cinema. In fondo è la stessa emozione che coglie il visitatore quando entra nel nostro Museo e viene accolto da installazioni, oggetti di scena, proiezioni, manifesti, fotografie, memorabilia o i costumi attualmente in mostra che rievocano la storia del cinema attraverso la magia delle immagini, il fascino della musica, l’eleganza dei dialoghi, la genialità dei registi e i volti familiari degli attori. Una decisione non facile da prendere”.
 
“Ci fa molto piacere poter collaborare attivamente a questo progetto, attraverso la sezione dei film girati in Piemonte. ‘I film della nostra vita’ rappresenta infatti una nuova opportunità che, nell’anno del nostro ventesimo compleanno, ci avvicina al grande pubblico mostrando la ricchezza produttiva del nostro territorio”. Così il Direttore di Film Commission Torino Piemonte Paolo Manera commenta l’iniziativa, aggiungendo che “attraverso questa operazione si continua e si completa idealmente il percorso inaugurato lo scorso febbraio con il tour di cine-turismo ‘Girando per Torino’ che coinvolge il centro cittadino”.
 
“Negli anni del secondo dopoguerra il cinema ha raccontato la quotidianità del nostro Paese - dichiara Francesca Leon, assessora alla Cultura della Città di Torino - Erano storie in cui la vita delle persone, anche delle più semplici, veniva elevata a narrazione quasi epica. Oggi, il cinema ci può aiutare a riannodare i fili dei vissuti, delle emozioni che ‘un film’ o anche solo una scena a cui ‘quel film’, ci riporta e a cui ripensiamo con un piacere immutabile nel tempo. Condividere i propri titoli del cuore con altre persone è un piacere al quale è difficile rinunciare. Un modo nuovo per costruire una dimensione comunicativa emozionale: quasi una mappa per immagini delle storie che il cinema ci ha fatto amare e che possono aiutare a tenerci idealmente vicini”.
 
“Un gioco che è un'occasione per chi ama il cinema – dice Cecilia Valmarana, vicedirettore di Rai Gold e responsabile di Rai Movie - per vedere e rivedere, scoprire e riscoprire tanti film. Per questo Rai Movie, il canale del Servizio Pubblico che il cinema lo trasmette e lo racconta,  ha aderito con entusiasmo”. 
“RaiPlay – dice la direttrice, Elena Capparelli - ha deciso di sostenere questa iniziativa perché, in un'ottica di continua personalizzazione della fruizione dei contenuti, vuole sempre di più ascoltare i propri utenti e conoscere i loro gusti al fine di offrire un prodotto sempre più vicino alle loro preferenze”.

LE CATEGORIE

I tornei saranno quattordici, suddivisi appunto in grandi categorie tematiche e semplici (ma necessarie) aree cronologiche.
Le due categorie tematiche principali saranno quelle dei Film drammatici e delle Commedie. Ciascuna verrà anche declinata in senso temporale (Film usciti nel ‘900 e Film usciti tra il 2000 e il febbraio 2020) e suddivisa tra Titoli internazionali e Film prodotti nel nostro Paese.
 
A queste otto categorie si aggiungeranno le due dedicate ai Film d’animazione (Titoli usciti nel ‘900 e Film visti nelle sale tra il 2000 e il febbraio 2020), una sezione per i Film di fantascienza, una dedicata alle Grandi serie tv degli ultimi vent’anni, ormai considerate parte del grande universo delle storie audiovisive di qualità. La tredicesima categoria è dedicata ai Grandi film muti, che hanno avuto in Italia, e in particolare nel territorio torinese, uno dei luoghi della grande produzione di qualità. Completa il quadro una categoria speciale, riservata ai Grandi film prodotti in Piemonte, sin dagli albori tra i territori più attivi del nostro Paese nella produzione cinematografica di qualità.

LE DUE FASI DE I FILM DELLA NOSTRA VITA

I tornei veri e propri inizieranno in maggio, con la pubblicazione, su Ciak, dei tabelloni con i confronti diretti e il via alle votazioni online.
 
Il 1 Aprile 2020 prende invece il via la prima fase, che sarà attiva fino a mercoledì 15 aprile: il pubblico sarà chiamato a dare un contributo decisivo nella scelta dei film da mettere in gara, suggerendo via mail, o intervenendo nei gruppi di discussione creati per l’occasione sui social di tutte le realtà promotrici dell’iniziativa, i titoli preferiti, da integrare con quelli che saranno presenti da domani sul sito www.ciakmagazine.it, selezionati  dalla redazione di specialisti di Ciak con lo scopo di rappresentare una prima base per la creazione dei tabelloni.
 
I tornei di tre categorie, particolarmente affollate di grandi titoli, partiranno prima degli altri, cioè dai 32mi di finale, con al via ben 64 opere. Si tratta delle categorie Film drammatici internazionali del ‘900, Serie tv in onda tra il 2000 e il 2020 e Film drammatici italiani del ‘900.
A seguire, prenderanno il via gli altri 11 tornei, che si svolgeranno in 5 turni: 16mi di finale, ottavi, quarti di finale, semifinali e finali.
 
L’intento dell’iniziativa I FILM DELLA NOSTRA VITA è di proporre non solo un grande gioco, ma soprattutto un viaggio nella settima arte, che intreccia cultura popolare e film d’autore, dando nuova  vita a un patrimonio ricchissimo e molto sentito, in grado di intrattenere ed anche di rappresentare uno spaccato senza precedenti dei nostri gusti in fatto di cinema.
 
L'iniziativa fa parte di ‘Torino Città del Cinema 2020. Un film lungo un anno’, un progetto di Città di Torino, Museo Nazionale del Cinema e Film Commission Torino Piemonte, con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, in collaborazione con Regione Piemonte, Fondazione per la Cultura Torino (www.torinocittadelcinema.it) e la Media Partnership Rai.

 

Articoli correlati