Il Comune di Napoli ha pubblicato un bando di gara a procedura aperta per l’affidamento dei Servizi tecnici inerenti l'assistenza scientifica archeologica per scavi, lavaggio e pulizia reperti e rilievi nell'ambito del progetto di Teatro antico di Neapolis nell'ambito del Grande Progetto centro storico di Napoli, valorizzazione del sito UNESCO. L’importo a base d’asta è fissato in 275.569 euro. Le offerte andranno presentate entro il 30 aprile 2020.

L’appalto ha per oggetto l'affidamento del servizio di assistenza scientifica archeologica, per scavi, lavaggio, pulizia reperti e loro incassettamento e per rilievi grafici nell'ambito dell’intervento denominato: Teatro antico di Neapolis - lotto IIIa al fine di garantire l'assistenza di personale specializzato durante tutte le fasi dei lavori che prevedono saggi e scavi stratigrafici estesi e movimentazione di terra e rilievo grafico dei resti antichi e degli ambienti moderni presenti nelle aree oggetto di intervento. 

In particolare, i summenzionati servizi comprendono l’assistenza alla esecuzione dei saggi, scavi e/o movimentazione di terra di scavo archeologico con redazione del diario dei lavori, la documentazione fotografica, la redazione di planimetrie, sezioni e prospetti nonché l’assistenza al lavaggio dei reperti recuperati, alla selezione, deposito degli stessi, con redazione di elenchi e schede di precatalogo di contesti selezionati, la cui stesura andrà concordata con la Direzione scientifica delle attività, ricoperta da funzionario della Soprintendenza archeologia, Belle Arti, paesaggio della città di Napoli (d’ora in poi Soprintendenza). Il servizio di assistenza scientifica archeologica, per scavi, lavaggio e pulizia reperti e rilievi dovrà garantire l'assistenza archeologica ai lavori di sbancamento e scavo, restituzione grafica dei rilievi effettuati e redazione della documentazione scientifica e delle relazioni richieste dal Comune di Napoli e dalla Soprintendenza, ed ogni altra attività eventualmente prescritta da questi ultimi. Il tutto come meglio normato nel Capitolato prestazionale.

La durata massima dell’appalto espressa in ore (6.810) (prestazioni principali), unitamente alle attività di cui alle prestazioni secondarie, dovrà essere distribuita in 549 giornate naturali e consecutive, così come previsto dagli atti di gara per l’affidamento dei lavori relativi alla realizzazione del progetto denominato Teatro antico di Neapolis.

Approfondimenti

 

Articoli correlati