"La cultura non si ferma. Anzi. È più che mai importante, in un momento come questo, restare capaci di trasmettere emozioni, esperienze, stimoli, moltiplicando canali e modi di contatto. Per questo il Polo Museale della Lombardia ha avviato, già dai primi giorni di marzo, una attività che, sfruttando i propri canali web e social, intreccia suggerimenti di lettura, ascolto, visione: le abbiamo chiamate #pillolediresilienza". Lo rende noto il Polo in una nota, spiegando che il piano editoriale si snoda lungo 4 tematiche portanti: #sorprendentelombardia, un viaggio virtuale tra mete non scontate del patrimonio culturale lombardo, seguendo il filo rosso offerto dai nostri musei: castelli, abbazie e monasteri, palazzi signorili, Lombardia preistorica, la belle époque. #museiatuttotondo: un racconto dei nostri istituti che va oltre il racconto delle opere ma ne illumina la storia con i loro protagonisti, i rapporti col territorio. #dentroefuoricasa: è il mantra di queste settimane, ma diventa la chiave per rileggere in modo inedito il nostro patrimonio.

Un'attenzione particolare è infine rivolta alle famiglie, impegnate nel difficile compito di intrattenere e rasserenare bambini e ragazzi costretti in casa, privati del contatto con coetanei e insegnanti. Per loro sono proposte attività manuali e di scoperta, quiz, giochi e puzzle (tutti pubblicati con l'#forkidz) che possano aiutare a tenere viva la curiosità e la creatività in questi giorni casalinghi.

A questi temi si aggiungeranno, nei prossimi giorni, altre due proposte: #cenacoloalcinema: in un momento tanto particolare delle nostre esistenze, si è pensato di offrire la visione in streaming di alcune delle pellicole già proposte nel corso del progetto l’Ultima cena per immagini, realizzato lo scorso anno, in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, in collaborazione con Cineteca di Milano e con il sostegno di Intesa SanPaolo. È un modo per allargare la conoscenza della storia dell’opera di Leonardo, ma è anche l’occasione per far entrare nelle case di ciascuno un’opera delicatissima e, naturalmente, non trasportabile. Una scelta nata da una semplice evidenza matematica: la Cena di Leonardo è probabilmente il dipinto più citato nella storia del cinema.

Sul sito del Museo del Cenacolo Vinciano per 4 settimane a cominciare dal 10 aprile 2020 verrà messo a disposizione un link per l’accesso alla visione di un film attraverso il sito della Cineteca di Milano. Con un breve video il Direttore Generale della Cineteca di Milano dott. Matteo Pavesi, introdurrà il film in programmazione.

A breve il Polo Museale avvierà anche una collaborazione con Angelo Foletto, critico musicale, e Anelide Nascimbene, storica della musica, che creeranno per il Polo museale della Lombardia un percorso musicale che racconti i musei con la loro storia, il loro contesto culturale, il loro patrimonio per mezzo di suggestioni, atmosfere, emozioni suscitate da brani musicali scelti e raccontati da loro.

 

Articoli correlati