A seguito degli sviluppi nel mondo legati alla pandemia da Coronavirus, il Comitato per il Patrimonio Mondiale dell’Unesco ha deciso di rinviare la 44esima sessione a data da destinarsi. Il Comitato si sarebbe dovuto riunire a Fuzhou, in Cina, dal 29 giugno al 9 luglio per valutare l’iscrizione di nuovi siti nella lista del patrimonio mondiale dell’umanità. Due le candidature italiane presentate per quest’anno: “Padova Urbs Picta-Giotto, La Cappella degli Scrovegni e i cicli pittorici del Trecento”, deliberata dal Consiglio direttivo della Commissione nazionale italiana per l’Unesco, e "Great Spas of Europe" (candidatura transnazionale insieme a Germania, Austria, Francia, Belgio, Regno Unito e, come capofila, Repubblica Ceca).

Durante la sessione dello scorso anno, il Comitato ha iscritto un totale di 29 nuovi siti nella lista del patrimonio mondiale dell’umanità (uno in Africa, due negli Stati arabi, dieci nella regione Asia-Pacifico, 15 in Europa e Nord America e uno in America Latina). Ai 29 nuovi siti va aggiunto l'ampliamento alla parte albanese della regione di Ocrida (Macedonia del Nord). L'elenco del patrimonio mondiale comprende ora 1.121 siti in 167 paesi. L’Italia conta 55 siti iscritti alla lista (l’ultimo arrivato è “Le colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”) e insieme alla Cina (anch’essa a 55) è in cima alla classifica dei Paesi con il più alto numero di siti patrimonio Unesco.

PADOVA URBS PICTA-GIOTTO

Il sito “Padova Urbs picta” è costituito dai cicli pittorici ad affresco del Trecento conservati all’interno di otto edifici e complessi monumentali nel centro storico di Padova, suddivisi in quattro componenti. Le quattro componenti sono: Scrovegni ed Eremitani, Palazzo della Ragione, Reggia, Battistero e le loro piazze, Cittadella antoniana e San Michele. 

Protagonisti dei cicli pittorici sono Giotto, Guariento, Giusto de’ Menabuoi, Altichiero da Zevio, Jacopo Avanzi e Jacopo da Verona. 

GREAT SPAS OF EUROPE

The Great Spas of Europe è un gruppo di undici città termali in sette paesi. Il sito offre testimonianza della città termale come tipologia urbana e movimento culturale.

Integrato in un insieme coerente, il sito ha ispirato grandi movimenti intellettuali, artistici, sociali e politici, contribuendo alla trasformazione della società Europea. La loro sostenibile funzione di luoghi di cura per il corpo, per la mente e per l’anima fa sì che continuino a contribuire a plasmare la cultura, le abitudini, la salute e i costumi europei.

 

Articoli correlati