“E’ un risultato molto importante che premia la visione di un museo per tutti, sempre più inclusivo, vivace e attrattivo e che dimostra la vicinanza del pubblico e la sua partecipazione attiva alle molteplici attività intraprese”. Cos il direttore ad interim Alfonsina Russo commenta il nono posto ottenuto dal Museo Nazionale Romano con il progetto di restauro del Rilievo di Tamesius Olympius Augentius nel concorso che premia ogni anno i progetti realizzati grazie all'Art Bonus.

“Un’ulteriore conferma del senso identitario che si è sviluppato attorno al Museo Nazionale Romano – aggiunge Russo - è rappresentata dal fatto che quest’anno il museo è il quarto tra gli enti dei beni culturali e paesaggistici ammessi al riparto del 5x1000 e in assoluto il primo istituto del Mibact per donazioni. Desidero ringraziare sentitamente i mecenati e tutti i cittadini che con il loro sostegno offrono un segno tangibile di partecipazione e di condivisione della missione istituzionale del Museo, a favore di tutta la collettività. Ringrazio anche tutto il personale del Museo che con impegno ed entusiasmo collabora ogni giorno al raggiungimento di questi importanti risultati, che sono perciò di grande soddisfazione per tutti”.

Il progetto di restauro del Rilievo di Tamesius Olympius Augentius ha consentito di restaurare e valorizzare nel Museo delle Terme di Diocleziano l'importante rilievo in marmo bianco con prospetto architettonico e iscrizione dedicatoria al dio Mitra, risalente al IV secolo d.C. Il restauro dell’opera è stato realizzato grazie all’erogazione liberale effettuata da un mecenate usufruendo delle agevolazioni fiscali previste dall’Art Bonus, a seguito della campagna di sensibilizzazione sostenuta dal Rotary Distretto 2080 e dai Club del territorio di Roma, Lazio e Sardegna a favore dell’utilizzo di tale misura fiscale. 

Il concorso Art Bonus, alla sua quarta edizione, ha visto quest'anno in gara 166 progetti e ha raccolto un totale di 31.250 voti, proclamando vincitore il progetto di restauro “Le Monete di Elea/Velia” promosso dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino. La premiazione, prevista lo scorso 9 marzo, è stata annullata a causa delle misure restrittive dovute all’emergenza sanitaria in corso, ma sarà comunque possibile conoscere la testimonianza dei finalisti attraverso video, immagini e racconti che saranno pubblicati nelle prossime settimane sui canali social di Art Bonus. 
    
 

 

Articoli correlati