Un video-appello per rilanciare la campagna #iorestoinitalia e un invito, quando sarà di nuovo possibile, a visitare l’inestimabile patrimonio artistico e culturale del nostro Paese. È quanto realizzato e promosso dall’Associazione Dimore Storiche Italiane (ADSI), impegnata ancora di più in queste settimane da una parte a fare conoscere la rete delle dimore storiche private, il contributo che danno all’economia e alla società italiana, e dall’altro a garantire che le attività di conservazione, valorizzazione e gestione messe in campo dai proprietari possano avere il massimo supporto da parte delle istituzioni sia per superare l’emergenza che per porre le basi di uno sviluppo sostenibile a medio e lungo termine.

In Italia, infatti, le dimore storiche private rappresentano circa il 17% del patrimonio immobiliare storico-artistico soggetto a vincolo, costituendo probabilmente il più importante museo diffuso del nostro Paese. Gli immobili storici vincolati – ville, palazzi, casali, masserie, castelli, ma anche parchi, giardini e tenute agricole aperti al pubblico – sono baluardo al freno della perdita dell’identità di un luogo, costituiscono un polo di attrazione e un volano per l’economia dei territori, in particolare al di fuori dei grandi centri abitati dove spesso si trovano.

Con il video #iorestoinitalia, ADSI ha voluto rendere omaggio alla storia, secolare e in alcuni casi addirittura millenaria, di questi luoghi, ricordare le attività che vi gravitano attorno e come sul patrimonio culturale privato – insieme alle famiglie che lo hanno abitato e che ancora oggi lo fanno vivere – si possa contare anche oggi, investendo su collaborazione con le istituzioni, partendo dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, e solidarietà. 
 

 

Articoli correlati