Il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, ha incontrato questa mattina in videochiamata il suo omologo tedesco per il Turismo, Thomas Bareiss, per discutere in merito alle azioni di rilancio del settore in vista anche della ripresa del turismo intraeuropeo già a partire dalla prossima estate.

Nel corso del cordiale colloquio è stata manifestata piena coincidenza di vedute sulla priorità da accordare all’adozione di regole sanitarie e di sicurezza comuni a livello europeo per consentire spostamenti turistici all'interno dell'Unione, garantendo protocolli armonizzati sia per quanto riguarda i  trasporti sia in riferimento agli standard che dovranno essere applicati nelle strutture ricettive delle diverse mete turistiche. Tutto ciò a tutela non solo dei viaggiatori e della popolazione residente ma anche degli operatori del settore. Al riguardo, il Ministro Franceschini ha ricordato che un gruppo di Paesi europei - tra cui Italia, Francia, Spagna e Grecia -  ha promosso in tal senso una iniziativa a livello UE in vista delle misure che dovrebbero essere approvate a Bruxelles questa settimana, auspicando il sostegno della Germania. Franceschini ha inoltre invitato il governo federale tedesco a dare il pieno sostegno all’ipotesi di destinare al settore una parte rilevante del “Recovery Fund” che dovrebbe essere adottato nell’ambito del pacchetto di misure per il rilancio dell’economia europea .

Thomas Bareiss, nel confermare che la Germania ha ricevuto proposte per la creazione di corridoi turistici da alcuni Paesi europei, ha comunque escluso che Berlino possa concludere intese bilaterali di tale natura, concordando con il Ministro Franceschini sulla necessità di comuni soluzioni europee.

 

Articoli correlati