Il direttore regionale Musei Sardegna, Giovanna Damiani, a fine maggio va in pensione. La storica dell’arte nei prossimi giorni lascerà l’incarico assunto nel marzo del 2015. Al suo posto, dal 1 giugno, arriva l’architetto Bruno Billeci, attuale soprintendente Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Sassari e Nuoro. 

“Dopo aver costituito e organizzato con grande passione la Direzione regionale Musei, che nasceva col nome di Polo Museale della Sardegna – si legge in una nota stampa -, Giovanna Damiani lascia in eredità un ufficio dinamico e funzionale che oggi conta 150 professionisti dei beni culturali. Un circuito di eccellenza che vede protagonisti i siti museali e le aree archeologiche statali in tutto il territorio regionale. Con la predisposizione di mostre, attività didattiche, innovazione tecnologica e il costante dialogo con il territorio, la Direzione Musei Sardegna si configura oggi come una realtà in evoluzione, efficiente e dinamica, che guarda al futuro con uno sguardo attento ai nuovi linguaggi della contemporaneità e alle nuove esigenze di un pubblico sempre più desideroso di vivere un’esperienza museale a tutto tondo”.

“Il raggiungimento di numerosi traguardi, sia in termini di crescita e visibilità dei musei statali, sia in termini di progetti realizzati, ha richiesto un impegno prezioso e ha posto le basi per un rilancio delle attività culturali in Sardegna. Un lavoro di squadra con ancora tanti progetti da realizzare, o che vedranno la luce a breve, come la riapertura del Padiglione Clemente del Museo Sanna di Sassari, con l’allestimento dello stilista Antonio Marras, e l’inaugurazione dell’Ex Museo Regio a Cagliari. A Giovanna Damiani vanno i più vivi ringraziamenti per l’impegno, la determinazione, la professionalità che ha saputo trasmettere in questi anni di intensa ed entusiasmante attività”, conclude la nota della Direzione regionale Musei Sardegna.
 

 

Articoli correlati