“I borghi non devono solo essere mete del turismo ‘lento’, di prossimità. Possono, invece, essere spazi a cielo aperto per incubare nuove forme di impresa basate sui beni culturali, nuove professionalità, nuovi modelli per sperimentare un welfare di comunità rispondente alle esigenze dei cittadini, innovativo e incentrato sui principi di condivisione, cooperazione e collaborazione”....

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati