Invitalia, in qualità di Centrale di Committenza per l’aggiudicazione dell’appalto per conto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo – Parco Archeologico di Ercolano, ha pubblicato un bando di gara a procedura aperta per l’affidamento dell’intervento denominato “Restauro conservativo delle strutture e delle superfici decorate delle domus più importanti di Ercolano”. L’importo totale dell’appalto, comprensivo degli oneri della sicurezza, è di 3.658.489 euro. L’aggiudicazione sarà effettuata secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo. Il termine finale per l’esecuzione delle prestazioni oggetto dell’appalto è di 730 giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori. Le offerte dovranno pervenire entro il 26 giugno 2020.

Il progetto ha la finalità di realizzare in particolare il restauro e la manutenzione straordinaria di strutture e apparati decorativi delle domus nel seguito enumerate: Casa a Graticcio, Casa dell’Atrio a Mosaico, Casa del Mobilio Carbonizzato, Casa del Sacello di Legno, Casa dell’Apollo Citaredo, Casa del Colonnato Tuscanico e Casa del Bicentenario; le tipologie di intervento prevalenti consistono in messa in opera di nuove coperture, consolidamento profondo di alcune murature particolarmente fragili, alcuni complessi interventi di reintegrazione (in particolare nella Casa del Graticcio) e molteplici e diffuse opere di conservazione delle superfici decorate, con il fine ultimo di garantire che lo stato di conservazione e le condizioni di sicurezza finali siano tali da sostenere l’impatto dei visitatori attesi.

Approfondimenti

 

Articoli correlati