La proposta di una “Netflix della Cultura” avanzata dal ministro Franceschini “non mi ha mai convinto. Innanzitutto perché quando venne fatta sembrò un modo per surrogare in altre forme lo spettacolo dal vivo, che invece per sua natura trova la sua ragion d'essere nella interazione/partecipazione con il pubblico. Poi perché non mi pare un esempio del tutto virtuoso: Netflix è un colosso...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati