Corteo storico fiorentino (Foto Roberto Galasso 2018, ICPI)

Anche l’Icpi (l’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale) ha aderito nelle scorse settimane alla campagna social #Laculturanonsiferma indetta dal Mibact nella fase di lockdown, attraverso i canali web e social dell’Istituto (il sito web, Youtube, Facebook, Instagram). I funzionari tecnico scientifici e tecnici dell’Istituto, con più di 100 nuovi contenuti diffusi dai social (tra cui più di 40 video originali) hanno avviato un processo virtuoso di divulgazione delle attività e dei progetti in corso dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale assicurando uno o più contenuti al giorno, anche nei giorni festivi, per tutta la durata del lockdown, dal 22 marzo ai primi giorni di giugno. Ognuna delle diverse rubriche curate ha coinvolto oltre ai dipendenti degli uffici centrali e periferici del Mibact, personalità dell’accademia, fotografi, intellettuali, nonché rappresentanti degli ecomusei e delle comunità locali con le quali l’Icpi collabora. Oltre alle rubriche, l’ICPI ha dedicato uno speciale alla Settimana Santa, un momento di particolare rilievo, per quel che riguarda gli eventi rituali e festivi del periodo di lockdown.

 

Articoli correlati