La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica sulle opportunità offerte dalle tecnologie digitali per il settore dei beni culturali. L’invito è a fornire un feedback sulla Raccomandazione della Commissione (2011) sulla digitalizzazione e l’accessibilità in rete dei materiali culturali e sulla conservazione digitale. L'obiettivo è proporre uno strumento politico più adeguato a supporto della trasformazione digitale del patrimonio culturale. “I progressi nella tecnologia stanno aprendo nuove opportunità per digitalizzare il patrimonio culturale” sottolinea la Commissione ricordando che “il tragico incendio della cattedrale di Notre Dame, il 15 aprile 2019, dimostra l'importanza di digitalizzare e preservare la cultura, ad esempio, con la modellazione 3D di edifici, monumenti e altri siti del patrimonio”.

Recentemente è stata invece la pandemia e le misure di allontanamento fisico adottate in tutti gli Stati membri a evidenziare la necessità di un patrimonio culturale accessibile e i vantaggi di disporre di questi strumenti digitali. La consultazione è rivolta a cittadini, pubbliche amministrazioni, istituzioni per i beni culturali, organizzazioni e reti internazionali, l'ecosistema Europeana, aziende, organizzazioni di ricerca e università. Si svolgerà fino al 14 settembre e le opinioni raccolte alimenteranno l'eventuale revisione della raccomandazione del 2011.

 

Articoli correlati