“Gli effetti di questa crisi possono essere di lungo periodo e molto significativi perché chiaramente possono riguardare anche lo sviluppo di nuova musica, gli investimenti in ricerca e sviluppo di nuovi artisti e quindi danneggiando anche i consumi di musica”. Lo ha sottolineato Enrico Mazza, presidente di Fimi (Federazione industria musicale italiana), nel corso di un’audizione presso...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati