“Spesso per parlare di povertà educativa e culturale in Italia si citano i numeri. Noi vorremmo raccontare le storie: Salvatore, 11 anni, costretto a fare il garzone al bar; Vincenza, 15 e una grande passione per la musica, messa da parte insieme a la scuola per “portare il pane a casa”; Rosa, 12 anni, che si è “ritirata da scuola” per aiutare la mamma malata. I nomi sono di fantasia...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati