“Sono stati giorni difficili ma che, sembra, si stiano avviando verso un miglioramento della situazione”. Lo ha detto il direttore del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna, intervenendo in audizione davanti alla Commissione Cultura del Senato nell’ambito dell’indagine sull’impatto sul settore della Cultura delle misure di contenimento del contagio da Covid-19. Osanna ha anche illustrato alcuni numeri del Parco: “Il Covid ha creato non solo un crollo delle visite ma anche delle entrate: in una giornata normale di giugno dell’anno scorso accedevano al Parco 12mila visitatori, adesso sono 1.200. Questo significa che il bilancio di previsione elaborato l’anno scorso non è attuabile: di 40 mln che erano stati acquisiti l'anno scorso, quest’anno non andremo oltre i 10 mln di euro. Una grande difficoltà quindi, ma avendo messo da parte dal bilancio ordinario una cifra di circa 10 mln, ci permette di affrontare questa emergenza”.

A Pompei, ha continuato Osanna, “abbiamo cercato di non abbandonare il processo virtuoso di manutenzione programmata previsto dal Grande Progetto Pompei anche nei momenti di grande crisi. Un’unità minima di personale è rimasta sempre sul campo insieme al personale di custodia con il supporto di un sistema di videosorveglianza sofisticato e moderno”.

“Abbiamo adottato tutte le misure dettate dal Comitato Tecnico Scientifico e abbiamo aperto il prima possibile, già il 26 maggio prevedendo termoscanner, mascherina anche se il sito è all’aperto, una settimana con biglietto a 5 euro per i residenti dell’area. Dal 9 giugno abbiamo previsto un doppio itinerario con due ingressi aperti e con itinerari che permettessero che i turisti non si incrociassero. Abbiamo realizzato un’app per orientarsi nel parco e con alert in caso di assembramenti. Adesso abbiamo aumentato gli accessi contingentati fino a 5000 visitatori. Da domani si apre un unico ingresso per acquistare anche in contanti i biglietti di ingresso direttamente sul sito. Sempre attivo il percorso per i diversamenti abili”.

 

Articoli correlati