La dotazione finanziaria del programma Europa creativa nell'ambito del Quadro finanziario pluriennale viene riportata a 1,64 miliardi di euro, come nella proposta della Commissione del 2018, ma ben al di sotto rispetto alle richieste del Parlamento europeo, che spingeva per un raddoppio dei fondi a 2,8 miliardi di euro. E’ quanto stabilito al termine della riunione straordinaria del Consiglio europeo. Scongiurato quindi il taglio del 13 per cento proposto dalla Commissione europea nel mese di maggio, che riduceva la cifra complessiva da 1,64 miliardi di euro della sua precedente proposta a 1,52 miliardi di euro nella sua nuova proposta.

Giovedì si terrà alle 9,30 una sessione plenaria straordinaria del Parlamento Ue per discutere i risultati del vertice europeo. Il Parlamento europeo avrà l'ultima parola prima dell'entrata in vigore del bilancio 2021-2027. L'attuale bilancio pluriennale scade il 31 dicembre 2020. Strasburgo definirà le sue condizioni e avvierà i negoziati con la Presidenza tedesca del Consiglio dell'UEe il prima possibile.

“L’Europa c’è. L’accordo raggiunto nella notte è un traguardo storico per l’Italia e per il continente. Una data da ricordare, l’avvio di un nuovo corso. Ora tocca a noi, mettiamo in campo il massimo della partecipazione. Avanti insieme in Europa e in Italia”, ha commentato su Twitter il relatore di Europa Creativa, Massimiliano Smeriglio.

 

Articoli correlati