“La cultura non è un settore a sé, ma attraversa tutti i settori produttivi allo stesso modo della green economy e della coesione”. Lo ha detto Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, concludendo il seminario “Il soft power dell’Italia per la ripresa”. “I fondi giganteschi che verranno dall’Unione europea dovranno essere attraversati da questi dialoghi trasversali...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati