E’ online l’avviso pubblico del Ministero per i Beni culturali per il riparto dei 50 milioni di euro del fondo emergenze imprese e istituzioni culturali destinati al sostegno dei musei e dei luoghi della cultura non statali. Dal 1 luglio 2020, per preparare al meglio la procedura, è stato nominato responsabile unico del procedimento il direttore del Servizio I della Direzione generale Musei, Antonio Tarasco, che ha predisposto e sottoscritto l’Avviso pubblico. Le richieste di contributo dovranno essere inviate esclusivamente online collegandosi al sito fondoemergenzeculturali.beniculturali.it, entro il 17 agosto 2020. Ulteriori informazioni o chiarimenti relativi alla procedura potranno essere richiesti scrivendo all’indirizzo: fondoemergenzemusei@beniculturali.it.

CHI PUO’ PRESENTARE LA DOMANDA

Possono presentare domanda tutti i musei civici; tutti i musei diocesani; gli altri musei e luoghi della cultura non statali dotati di personalità giuridica; gli altri musei e luoghi della cultura non statali di appartenenza pubblica dotati di autonomia organizzativa e di bilancio, anche costituiti in forma di fondazione, istituzione e azienda speciale ai sensi dell’articolo 114, decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. 

I soggetti autorizzati a presentare la domanda di contributo dovranno auto-dichiarare l’importo, al netto di eventuali aggi nei confronti dei concessionari, dei minori introiti derivanti dalla vendita dei biglietti nel periodo dal 1° marzo 2020 al 31 maggio 2020 rispetto al periodo dal 1° marzo 2019 al 31 maggio 2019. 

CRITERI DI ATTRIBUZIONE

I contributi saranno erogati proporzionalmente ai minori introiti derivanti dalla vendita di biglietti, al netto di eventuali aggi nei confronti dei concessionari, nel periodo dal 1° marzo 2020 al 31 maggio 2020 rispetto al periodo dal 1° marzo 2019 al 31 maggio 2019. I contributi non potranno comunque superare la differenza tra gli introiti del 2019 e quelli del 2020 nel periodo considerato, al netto di eventuali aggi nei confronti dei concessionari. In caso di incapienza del Fondo emergenze, i contributi saranno erogati in misura proporzionalmente ridotta. 

 

Articoli correlati