“Rivoluzione al Festival Berlino: non più Orso d'oro per attore e attrice, ma premi neutri rispetto al genere. Certo, perché no? La recitazione è un'arte basata su classe e tecnica, non sulla forza fisica, unica ragione che potrebbe giustificare non far competere insieme uomini e donne. Mi sembra un ottimo segnale nella direzione della parità di genere”. Così la sottosegretaria ai Beni...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati