'Obiettivo digitalizzazione!' È questo lo scopo del bando della Regione Lazio per sostenere le micro, piccole e medie imprese (MPMI) che operano nel settore delle attività culturali dal vivo che mette a disposizione 3 milioni di euro per favorire l’adozione di tecnologie digitali, tali da ampliare le modalità di fruizione delle attività culturali offerte e migliorare l’esperienza del pubblico per dare una maggiore spinta a tutto il comparto rendendolo più competitivo e meno dipendente dalla sola interazione fisica.

Le domande potranno essere inviate dal 1° ottobre 2020 e fino al 22 ottobre 2020 tramite GeCoWEBplus. L’invio della domanda richiede la registrazione a GeCoWEBplus e la compilazione di un formulario disponibile online a partire dal 22 settembre 2020.

BENEFICIARI E DOTAZIONE FINANZIARIA

Possono accedere ai contributi le micro, piccole e medie imprese (MPMI), in forma singola che siano titolari di partita IVA attiva almeno dal 31 dicembre 2018 e alla data di presentazione della domanda. Le imprese devono avere sede operativa oggetto del progetto nel territorio della Regione Lazio ed essere operatori dello spettacolo dal vivo od operatori di altre attività culturali dal vivo.

Per operatori dello spettacolo dal vivo si intendono le MPMI che hanno realizzato nel 2019 almeno 30 rappresentazioni di spettacoli dal vivo di teatro, musica o danza. Per operatori di altre attività culturali dal vivo, invece, si intendono le MPMI che non hanno fine di lucro e che hanno realizzato nel 2019 almeno 30 attività culturali che comportano l’interazione fisica con i clienti, il pubblico o gli utenti come modalità di fruizione ordinaria e tradizionale.

La dotazione finanziaria del bando della Regione Lazio è di 3 milioni di euro. La metà delle risorse è destinato agli operatori dello spettacolo dal vivo mentre la restante parte agli operatori di altre attività culturali dal Vivo.

Per ciascuna sezione è prevista una riserva del 20% per le MPMI aventi sede operativa attiva, già al momento della presentazione della domanda, in uno dei comuni ricadenti nelle aree di crisi complessa della Regione Lazio.

I PROGETTI AMMISSIBILI

Saranno ritenuti ammissibili i progetti che prevedranno l’adozione di una o più soluzioni o sistemi digitali finalizzati a migliorare la produzione dello spettacolo e delle altre attività culturali dal vivo nonché innovarne la fruizione, agevolarne la vendita, potenziare l’organizzazione dei produttori e dei coordinatori di spettacoli e altre attività culturali dal vivo.

I progetti devono presentare costi ammissibili non inferiori a 7 mila euro, essere realizzati entro 120 giorni dalla data di concessione del contributo e rendicontati entro 180 giorni dalla data di concessione del contributo.

Approfondimenti

 

Articoli correlati